Roma - New York 84.39

[Joomlashack License Key Manager] Joomlashack Framework not found
[OSYouTube] Alledia framework not found

Lo Sport Fa Male

|

Scritto da Mister G

Quando lo scopo del gioco cambia, lo Sport fa Male.

Titolo provocatorio, ma profondamente reale se non ci si orienta verso la giusta direzione. Questo non vale solo per lo Sport, personalmente l’ho riscontrato un po’ in tutti i campi. Lo Sport può fare male? Certamente… Iniziamo a fare Sport per migliorare, per il nostro benessere, siamo noi i protagonisti di questa avventura. Ma poi ci facciamo prendere dalla voglia di strafare, di agonismo e ambizioni che ci trascinano verso l’ERRORE più grande… quello di spostare il centro da dentro noi a fuori. Quale è la trappola che si carica? Quando è lo Sport a diventare importante, corriamo il rischio di divenirne schiavi, di non stare più sul nostro ponte di comando, e tutti quei bei buoni propositi vengono rimpiazzati da rabbia, delusioni, ansia da prestazione e ci dimentichiamo di quanto di bello c’è da vivere. Ed ecco che la condivisione fraterna diventa rivalità e contrasto… Credo che una dose di tutto questo sia operativa e necessaria per chi fa Atletica di professione per cui i risultati contano. Ma noi, che abbiamo deciso di integrare nella nostra vita lo Sport come lifestyle, viviamo nel raro lusso di poterne prendere il nettare, la parte migliore.
 
Non perdiamo dunque tempo a rovinarci (e rovinare agli altri) una giornata per un risultato non ottenuto, il mondo va avanti ugualmente… l’auspicio è che quel risultato da voler ottenere sia il nostro benessere e quello di chi ci circonda.
 
Poche sere fa, mettendo a posto i giochi sparsi per tutta casa da quelle tempeste dei miei figli, mi è caduto l’occhio sul manuale d’istruzioni di un loro gioco da tavola… Lo prendo in mano ed ecco che vengo folgorato dal messaggio più chiaro, semplice ed importante. La prima cosa scritta sul manuale è “SCOPO DEL GIOCO”. Quel momento mi ha parlato, mi ha dato tantissimo e desidero trasferirlo.
 
Ogni volta che mi trovo a riflettere tra me e me, magari arrabbiato o scontento per qualche futile motivo, ripongo a me stesso la domanda “era questo LO SCOPO DEL GIOCO”? Mi rispondo… e rettifico la rotta verso la giusta direzione.